Territori, mobilità, lavori. Padova, 21-23 febbraio 2018

Il Convegno Territori, mobilità, lavori, organizzato dalla Sezione Ambiente e territorio dell’Associazione italiana di Sociologia si proponeva di sviluppare una riflessione critica sulle trasformazioni territoriali, del lavoro e delle migrazioni nella società italiana. Si è trattato di un’occasione di discussione e di confronto su prospettive teoriche, metodologiche ed empiriche con la partecipazione di studiosi della sociologia del territorio, delle migrazioni, del lavoro ed economica.

Sede del Convegno: Palazzo Cesarotti, Dipartimento Fisppa – Sede di Sociologia, via Cesarotti 10/12, 35123 Padova

Sono state selezionate oltre 130 presentazioni, suddivise nelle 17 sessioni di cui si compongono le 4 Aree Tematiche:
1. Territori, povertà, welfare (5 sessioni)
2. Territori, mobilità, migrazioni (7 sessioni)
3. Territori, lavori, professioni (2 sessioni)
4. Trasformazioni urbane e forme del lavoro (3 sessioni)
Tutti gli abstract delle presentazioni sono scaricabili da questo link

!!! Programma !!!

In anteprima al convegno, il 21 febbraio alle 17, Marco D’Eramo ha presentato il suo nuovo volume Il selfie del mondo. Indagine sull’età del turismo(Feltrinelli, 2017). Ha coordinato Ferruccio Gambino, ha discusso Vando Borghi (locandina).

Le lectures della sessione plenaria di apertura, il 22 febbraio, coordinata da Franca Bimbi (Università di Padova), sono state affidate a
Ben Rogaly (Università del Sussex): Labour and life in workplace geographies: food and retail distribution in the migrant city (abstract)
e
Robert Kloosterman (Università di Amsterdam): Newcomers, New Opportunities, New Issues. Migrant entrepreneurs and Cognitive-Cultural Capitalism (abstract)
Discussant: Vando Borghi (Università di Bologna) e Maurizio Ambrosini (Università di Milano Statale)

Le lectures della sessione conclusiva, il 23 febbraio, coordinata da Devi Sacchetto (Università di Padova), sono state affidate a
Enzo Mingione (Università di Milano Bicocca): La sfida della città aperta (abstract)
e
Yuri Kazepov (Università di Vienna): La governance multilivello dell’innovazione sociale locale in Europa (abstract)
Discussant: Giampaolo Nuvolati (Università di Milano Bicocca) e Enrica Morlicchio (Università di Napoli)

Iscrizione:

70 euro strutturati, 35 euro non strutturati entro il 20 gennaio
90 euro strutturati, 50 euro non strutturati dopo il 20 gennaio
L’iscrizione al convegno comprende i coffee break e due buffet

Aree Tematiche:

1. Territori, povertà, welfare

Questo ambito raccoglie e discute contributi di ricerca sui profili emergenti della povertà e del disagio sociale, sulle forme di auto-organizzazione delle fasce deboli, sui nuovi e vecchi divari territoriali, sulle risposte in termini di interventi sociali, con una particolare attenzione all’innovazione dal basso: sperimentazioni che coinvolgano società civile, imprese, istituzioni locali.

Sessioni:
1. Acocella, Cellini – “Fare ricerca” sul tema dell’accoglienza dei migranti che arrivano sul territorio italiano
2. Alietti, Agustoni, Scandurra – Resilienza, resistenze e la città pubblica
4. Beretta, Osti – Povertà urbana e politiche socio-ambientali nei territori italiani
5. Castrignano, Landi – Vulnerabilità sociale e povertà: nuove emergenze territoriali e abitative
7. Martelli, Volturo – La lotta alla povertà in azione: forme di implementazione, attori, contesti

2. Territori, mobilità, migrazioni

L’evoluzione in senso multietnico dei territori è uno dei più visibili fattori di trasformazione della società italiana. Il rapporto tra popolazione, cittadinanza, appartenenza sta diventando più complesso e fluido. Questa trasformazione non avviene però senza tensioni politiche e conflitti culturali, anche a motivo della crisi economica e della crescita della disoccupazione. Il recente arrivo nelle società locali di flussi di rifugiati che richiedono politiche di accoglienza dedicate ha catalizzato negli ultimi anni il dibattito pubblico, lasciando in ombra altri aspetti dei fenomeni migratori meritevoli di approfondimento. Tra questi vanno ricordate le nuove emigrazioni italiane, insieme a questioni come quelle delle nuove generazioni, delle soggettività femminili, del pluralismo religioso, della partecipazione al mercato del lavoro, delle dinamiche familiari.

Sessioni:
8. Alberio, Berti – Italiani che lasciano l’Italia: le nuove emigrazioni al tempo della crisi
9. Ambrosini – Territori, immigrati e richiedenti asilo: politiche di esclusione, pratiche di accoglienza, dinamiche di integrazione
10. Bergamaschi, Piro – Processi di territorializzazione e flussi migratori
11. Bonizzoni, Della Puppa, Montagna – Mobilità intra-europea, riproduzione sociale e lavoro in tempi di crisi
12. Cavatorta, Toffanin – Migrazioni, generi e pratiche di cittadinanza
13. Chiesi, Costa – Innovazione sociale e territorio.
 Riflessioni e casi studio di interventi orientati al mutamento sociale
14. Pozzi, De Luca – Donne migranti tra lavoro e famiglia: ponti di integrazione, inclusione, identità

3. Territori, lavori, professioni

La dimensione territoriale dello sviluppo economico, e delle fragilità dello sviluppo, è una delle direttrici più feconde della ricerca socio-economica italiana. In questa tradizione s’inserisce oggi lo studio dell’innovazione economica, della nascita di nuovi lavori e professioni, mentre l’analisi dei mercati del lavoro nelle loro varie segmentazioni richiede rinnovati investimenti conoscitivi: fattori come l’età, il genere, l’origine etnica s’incrociano con le variabili territoriali. Disoccupazione, precarietà, discontinuità della partecipazione occupazionale richiedono un rinnovato impegno della ricerca sociologica, anche nella prospettiva delle sue ricadute pubbliche.

Sessioni:
15. Colloca – Aree rurali e migranti: dall’accoglienza al caporalato
16. Corrado, Perrotta – Le trasformazioni dei sistemi agro-alimentari, le forme del lavoro, i territori 

4. Trasformazioni urbane e forme del lavoro

Le aree urbane rappresentano un luogo strategico per il capitalismo contemporaneo sia perché i processi di accumulazione trovano qui un luogo privilegiato sia perché nelle aree urbane si generano continuamente nuove forme occupazionali che trasformano profondamente i rapporti lavorativi e sociali. L’economia urbana è caratterizzata infatti da una articolazione di settori, imprese e lavoratori che assolvono a una serie variegata di funzioni fondamentali: dal commercio alla logistica, dal settore pubblico ai servizi alla persona e alle imprese. Questo ambito raccoglie contributi che indaghino l’intreccio tra trasformazioni urbane, economiche e lavorative.

Sessioni:
18. Battaglini, Masiero – Territorializzazione, resilienza urbana e nuove forme di lavoro nella società globale del rischio
19. Busacca, Borelli – Lavoro e lavori, i protagonisti dell’innovazione sociale
20. Colleoni, Daconto – Policentrismo e nuova morfologia delle funzioni socio-economiche e residenziali urbane

 

Scadenze:

22 Ottobre 2017: Apertura call for abstract – da inviare a territori@fisppa.it
7 dicembre 2017: Chiusura call for abstract – da inviare a territori@fisppa.it
12 Dicembre 2017: Apertura iscrizioni
18 Dicembre 2017: Comunicazione abstract accettati
20 Gennaio 2018: Termine iscrizioni a tariffa ridotta (early registration)
5 Febbraio 2018: Invio paper (indicativamente 25000 caratteri circa) all’indirizzo mail delle/dei panelist
10 Febbraio 2018: Chiusura iscrizioni

Comitato scientifico:

Maurizio Ambrosini, Gennaro Avallone, Elena Battaglini, Guido Borelli, Carlo Colloca, Ezio Marra, Antonietta Mazzette, Silvia Mugnano, Devi Sacchetto, Francesca Alice Vianello, Francesca Vianello, Francesca Zajczyk, Paolo Zurla.

Comitato organizzatore: Andrea Caroselli, Ru Gao, Francesco Iannuzzi, Anne-Iris Romens, Devi Sacchetto, Angela M. Toffanin, Francesca Alice Vianello

Per informazioni e contatti: territori@fisppa.it